Come migliorare il vostro inglese in fretta


Ciao ragazzi,

Torno a scrivere dopo moltissimo tempo e questa volta prometto di proseguire a darvi suggerimenti utili per facilitare la vostra vita in UK, in particolare a Londra dove vivo da 22 anni, con varie pause anche di anni in Centro America e lavori sulle navi da Crociera. Scrivo perché seguo le pagine degli italiani a Londra e UK e non ho il tempo materiale per assistere ogni singola persona.

Mi sono resa conto di dare per scontato tante soluzioni a problemi che ho affrontato una vita fa’ quando sono arrivata giovanissima con un inglese scolastico e un carattere timidissimo. Quindi voglio iniziare dal problema principale che ci stravolge la vita: vivere in un paese dove si parla una lingua che non padroneggiamo e la cui cultura e’ cosi’ diversa dalla nostra.

Potrei scrivere per ore della mia esperienza, ma andiamo al sodo.

Molti punti potrebbero sembrare scontati, ma spesso li sottovalutiamo, almeno io l’ho fatto.

Cosa fare e non fare per apprendere l’inglese rapidamente:

  1. Non vivere con Italiani, ma cercarsi una situazione in cui si e’ a contatto con diverse nazionalità. (Errore numero 1 che ho commesso, perché ho vissuto molto tempo con amici italiani)
  2. Non lavorare in ristoranti italiani in quanto la maggioranza assume solo personale italiano e ovviamente questo non giova all’ apprendimento, invece iniziate da Mc Donald’s o Burger King dove il personale e’ multietnico. (Fatto e il mio inglese e’ migliorato tantissimo).
  3. Non tradurre dall’italiano all’inglese, i modi di dire molte volte sono completamente diversi, cosi come la struttura grammaticale; invece cercate di capire il senso generale ed raggirate il contenuto usando parole che conoscete quando vi esprimete. (Tattica che ho adottato dopo mesi e mi ha aiutato tantissimo)
  4. Non lasciarsi intimidire, “sbagliando si impara”, ci siamo passati tutti, invece focalizzatevi ad ampliare il vostro vocabolario, leggendo molto e sforzatevi di riprodurre l’accento inglese. (Sono stata fortunata, i miei colleghi inglesi mi correggevano addirittura i compiti spiegandomi dove avevo sbagliato!).
  5. Non presumete che l’inglese che sentite parlare per strada sia tutto corretto, molti non utilizzano la grammatica giusta; non sara’ di sicuro un vantaggio quando farete domanda per un lavoro più impegnativo. Iscrivetevi ad un corso di inglese anche part-time che sviluppi la vostra competenza linguistico-comunicativa.(Sono rimasta confusa per mesi in quanto le strutture grammaticali che avevo studiato in Italia non rispecchiavano quelle usate da alcuni britannici. Ho poi scoperto che sbagliavano loro!)
  6. Non perdetevi nella vita mondana di Londra, soprattutto per i giovanissimi, cercate un giusto equilibrio fra lavoro, studio e divertimento. (Mi sono abbastanza persa ah ah, poi dopo due anni ho iniziato l’università).
  7. Non rinunciate mai ai vostri sogni, con la determinazione ed investendo nel vostro futuro i vostri sogni si realizzeranno. Lo so, perché l’ho fatto!

Se avete altri suggerimenti, commentate pure sotto!

 A destra trovate la categoria per gli italiani in UK con altre informazioni utili.

Buona serata!

Raffaella

MA Intercultural Communication for Business & Professions

BA Hon in Spanish & French

CLTA Formazione per l’insegnamento dell’italiano, spagnolo e francese

Mi occupo di orientamento corsi di inglese, IELTS, Cambridge, business, viaggi studio, adulti, ragazzi, bambini a partire dai 3 anni. Consigli su scuole private internazionali. Sono anche una tutor privata di italiano e spagnolo ed un’assistente delle maestre nelle scuole elementari. Contattatemi a raffaella@languagesalive.com se avete bisogno.

Advertisements

Le migliori Università del Regno Unito


uni

Avete mai contemplato l’idea di inziare o proseguire gli studi nel Regno Unito? Vi domandate il perche’ investire una considervole somma di denaro per studiare? La risposta e’ molto semplice, quasi ovvia: prospettive di lavoro migliori con possibilita’ di fare carriera facilmente. In inghilterra, la maggior parte dei lavori d’ufficio richiedono una laurea di almeno 3 anni a meno che non vogliate lavorare nel customer service, market research e call centre a vita. Il voto minimo per accedere a lavori di un certo livello e’ il 2.1

Vi spiego; negli studi cosi detti undergraduate la percentuale per prendere la laurea e’ del 40% parliamo di laurearsi con  un third praticamente, facilissimo direte, ma udite udite, se ottenete la laurea con un third potete anche buttarla nel ce..o. Anche con il voto successivo un 2.2 non sara’ molto facile entrare nelle aziende che per la maggior parte richiedono un 2.1 o un first che come dice la parola sarebbe il voto massimo.

Nella decisione di quale universita’ frequentare, influisce molto la sua reputazione e la validita’ dei corsi. Per questo motivo ho pensato di informarvi sulle universita’ piu’ quotate nel Regno Unito. Allora iniziamo:

Al numero uno senza ombra di dubbio si trova la famosa Cambridge, seguita dalla non meno famosa  Oxford. Segue poi la St Andrews, Surrey, Bath, Durham, Warwick, Imperial  College, Exeter, Lancaster, Loughborough e UCL. Per una lista completa potete consultare il sito del giornale The Guardian http://www.theguardian.com

Non siete sicuri quale scegliere e volete saperne di piu’? Vi consiglio di andare agli open days: delle giornate o serate in cui le universita’ mettono a disposizione il loro personale per rispondere ad ogni vostro dubbio o incertezza. Potete consultare questo sito www.opendays.com

Per entrare nelle universita’ inglesi tenete in considerazione che avrete bisogno di un punteggio abbastanza alto dello IELTS o almeno il certificato advanced del Cambridge. Una volta fatta domanda saranno le universita’ a decidere di offrirvi direttamente il posto o di chiamarvi per un colloquio o chiedervi di scrivere un essay o di rifiutare la vostra domanda senza dare spiegazioni. Per ulteriori informazioni su come fare l’application potete consultare il sito UCAS

Personalmente, fare l’universita’ in Surrey e poi a Londra e’ stata un’esperienza fantastica anche se ho investito una notevole somma di denaro, un investimento che mi ha consentito di accedere ad ogni lavoro che ho voluto fare. Quindi vi consiglio vivamente di pensarci su e valutare bene cosa volete fare da grandi…

Al prossimo post

In bocca al lupo!

Ps quella nella foto sono io, troppo contenta di aver finito il mio Master

Raffaella

A Londra dal 95′

Orientamento corsi di inglese per adulti, teenagers, bambini. IELTS, Cambridge, inglese generale e business. Per ulteriori informazioni contattatemi a raffaella@languagesalive.com

 

 

 

Perché ho deciso di sfidare Londra


Habits-of-super-successful-people

Carissimi amici, vi domandate spesso chi ve l’ ha fatto fare di venire a Londra? Non riuscite proprio a sopportare il clima e vi sentite in imbarazzo quando parlate inglese? Beh, non siete gli unici, sappiate che prima o poi quasi tutti e dico anche i laureati in lingua sono passati per questa fase.

Oggi ho deciso di raccontarvi un po’ della mia esperienza di vita oramai londinese per darvi un po’ di supporto e dimostrare che superato il primo impatto Londra rimane comunque una giungla, ma diventera’ una giungla dove saprete muovervi ad occhi chiusi. Certo il percorso non e’ dei piu’ facili soprattutto se arrivate qui con un inglese scolastico e quindi scarso come il mio nel lontano 95. E si’ non sapevo proprio masticare una parola di inglese anche se l’avevo studiato per ben 5 anni alle superiori. All’epoca si riusciva ancora a trovare lavori umili con un inglese pari quasi a zero.

La mia prima esperienza lavorativa fu nel Mc Donald dopo una valanga di rifiuti ricevuti nel campo della ristorazione e non.Ero andata via dall’Italia perche’ volevo la mia indipendenza e il solo pensiero di studiare dopo le superiori mi dava il volta stomaco. Poco immaginavo che dopo un mese di lavoro al Mac Donald mi sarei iscritta a un corso di inglese. L’entusiasmo di aver conseguito il primo lavoro a Londra svani ben presto in quanto mi resi conto che le mie capacita’ linguistiche e quindi comunicative erano ben limitate. Non so quanti strilli mi sono beccata perche’ non capivo quello che dicevano i manager. Fatto sta che da quel istante cominciai a frequentare il corso di inglese. Dopo alcuni mesi mi sentivo piu’ sicura e decisi che era ora di cambiare lavoro. Con mia grande soddisfazione ci riusci quasi subito entrando a lavorare con quasi tutti inglesi, ero l unica con un livello di inglese intermedio. Sapevo che avrei dovuto continuare i miei studi e cosi la sera andavo al college dopo il lavoro.

In brevi parole, riusci a prendere il Cambridge first Certificate e con questo entrai a lavorare in ufficio per un call centre per la prima volta. Avevo 21 anni. Iniziai anche a viaggiare in giro per il mondo quando avevo delle vacanze. Ma non mi bastava, volevo di piu’, cosi spinta dalla passione per le lingue decisi di continuare i miei studi ed iscrivermi all’universita’ che ovviamente richiedeva un certo livello di inglese. Anche questa volta ci riusci, l’universita’ duro’ 4 anni con un anno di Erasmus pagato. Un’esperienza fantastica!

Volevo viaggiare non volevo piu’ stare a Londra, feci l’ application per lavorare sulle navi da crociera come staff delle escursioni e mi diedero il lavoro, ero super contenta. Dopo tre anni tra navi e Costa Rica ritornai a Londra. Di recente ho completato un master in comunicazione interculturale e ben sei anni fa ho aperto una mia attivita’ insegnando italiano e spagnolo e facendo orientamento per i corsi di inglese per adulti, bambini e teen agers. Sono arrivata a guadagnare anche £100 l’ora.

Tutto questo per dirvi, non vi buttate giu’, stringete i denti e cercate sempre di migliorare voi stessi. Non abbiate paura ad esprimervi anche se con difficolta’, insomma non gettate la spugna. Cliche’ ma VOLERE e’ si’ POTERE.

In bocca al lupo a tutti voi

ps e la vostra di esperienza com’e’ stata? Commentate pure sotto grazie

Per info su corsi di inglese contattatemi a raffaella@languagesalive.com assistenza e accompagnamento gratuito.IELTS e Cambridge per entrare all’universita’, inglese generale e business. Corsi intensivi semi-intensivi – part time anche di sera.