Uno show che potrebbe cambiarvi la vita!


Questo post è rivolto a quelli che tra di voi hanno pensato di iniziare un’attività in proprio, ma che vorrebbero avere il supporto di una brand già avviata e di successo. Per questo vi segnaliamo lo show che si terrà ad Olympia Londra dal 9 al 10 Marzo 2018 chiamato “The British & International Franchise Exhibition”. Lo show aprirà le porte venerdì 9 marzo alle 10:00 fino alle 17:00 per poi riaprire allo stesso orario il giorno successivo e chiudere alle 16:00.

Scatenate il vostro spirito imprenditoriale e sfruttate a pieno la possibilità di poter assistere a 60 presentazioni gratis, in più ci saranno sessioni private gratuite con esperti di vari settori. Questa è l’unica fiera di franchise che vanta il supporto del “British Franchise Association” (bfa), il che significa che tutte le brand che prendono parte all’evento godono della sua approvazione assicurando così la fattibilità del modello di business proposto.

Le brand presenti saranno oltre 100 in un dinamico mix di vari settori di business che include food & drink, immobiliare, vendita al dettaglio e salute e benessere. Potrete scegliere quella conforme ai vostri interessi budget e ambizioni.

Potreste essere ad un passo dal cambiare la vostra vita ed essere il vostro boss. Il biglietto è gratis se vi prenotate prima inserendo il codice OLY1 su questa pagina https://olympia.london/whatson/british-international-franchise-exhibition

Non aspettate l’ultimo momento, alla porta si pagherà £15.

In più vi consiglio la lettura di questo breve, ma utilissimo libro.

Good luck!

Se avete bisogno di assistenza in Italiano durante lo show o per migliorare il vostro inglese contattateci all’email info@languagesalive.com

Altri articoli che vi possono essere utili sono sotto la categoria informazioni utili per gli italiani in UK.

Raffaella (Languages Alive Owner)

MA Intercultural Communication for Business & Professions

BA Hon in Spanish & French

CLTA Formazione per l’insegnamento dell’italiano, spagnolo e francese

Lavoriamo in partnership con le migliori scuole di inglese. Ci occupiamo di orientamento corsi di inglese IELTS, Cambridge, business, viaggi studio, adulti, ragazzi, bambini a partire dai 3 anni. Consigli su scuole private internazionali. Sconti per gli studenti europei. Inoltre si offrono servizi di interpretariato e traduzione. Scriveteci a info@languagesalive.com

Advertisements

Modi di dire in inglese che ascolterete solo nel Regno Unito


Keep calm and speak British

 

Spesso sentiamo qualcuno dire: “I’m gutted”.

Sapete cosa significa?

A scuola normalmente ci viene insegnato solo l’uso corretto della lingua che studiamo. Ma qual è esattamente l’uso corretto di una lingua?

Sicuramente per integrarsi nella società britannica è necessario comunicare su tutti i livelli usando anche espressioni informali presenti nel linguaggio corrente.

Per questo ho raggruppato una serie di modi di dire che probabilmente sentirete solo in una conversazione tra due britannici.

I cittadini britannici sono spesso molto patriottici; sono fieri della loro lingua e cultura e del fatto che l’inglese sia la lingua numero uno usata nel mondo del lavoro a livello mondiale. Tuttavia, ci sono molte varianti tra un capo all’altro del paese e i modi di dire differiscono, ma sotto troverete delle espressioni diciamo standard che avrete già sentito se lavorate in una compagnia britannica o avete colleghi inglesi madre lingua.

Per una nazione con la reputazione di un paese dove vige l’educazione, le buone maniere ed una predisposizione ad evitare situazioni conflittuali, la prima espressione si addice veramente a questa dimensione culturale. Se sentite qualcuno dire “I’m not being funny but” potete assumere che la persona in questione si sta lamentando di qualcosa in maniera totalmente britannica, senza sembrare maleducato e polemico,infatti il termine “funny” in questo contesto significa “peculiar” ossia strano.

Un’altra espressione molto comune è “I’ve got the hump” (gobba), questo modo di dire viene usato quando la persona in questione è ancora seccata da una situazione o persona. Ancora una volta questa è un’espressione volta a nascondere ciò che si pensa veramente. Anche se l’origine non è certa,  “Got the hump” si riferisce probabilmente alla gobba del cammello, es. “Mi hai fatto venire la gobba” ma denota un’arrabbiatura, quindi è simile a “mi hai/ha irritato” o “mi ha fatto mettere il muso”.

Adesso testiamo la vostra conoscenza; sapete cosa vogliono dire le seguenti espressioni?

  1. I am gutted
  2. Ta.
  3. I am knackered
  4. Let’s play it by ear
  5. I’m minted
  6. Dodgy

Commentate sotto!

Buona giornata

Raffaella

MA Intercultural Communication for Business & Professions

BA Hon in Spanish & French

CLTA Formazione per l’insegnamento dell’italiano, spagnolo e francese

Mi occupo di orientamento corsi di inglese, IELTS, Cambridge, business, viaggi studio, adulti, ragazzi, bambini a partire dai 3 anni. Consigli su scuole private internazionali. Assistenza gratuita, sconti per gli studenti europei.

Sono anche una tutor privata di italiano e spagnolo ed un’assistente delle maestre nelle scuole elementari. Contattatemi a raffaella@languagesalive.com se avete bisogno.

Che vuol dire avere le formiche nei pantaloni?


Salve ragazzi! Ecco a voi altri modi di dire che utilizzano diversi animali! Io li ho trovati molto divertenti. Enjoy!

animal1 animal2 animal3 animal4

Se ne volete sapere di più, terremo il nostro Open Day il 9 di marzo 2017 alle 11:00 e alle 18:00, gli incaricati della scuola che si trova su Oxford Street ed è operativa da 40 anni, vi daranno tutte le informazioni utili per scegliere il corso più adatto a voi.

Ci sarà inoltre la possibilità di parlare direttamente con il Direttore degli studi che vi potrà consigliare su quante settimane avrete bisogno per raggiungere i vostri obiettivi senza buttare via i vostri soldi in corsi lunghi e poco efficaci tenuti da moltissime scuole qui a Londra.

Se non vi trovate a Londra, contattatemi quando volete.

Se invece volete prenotare il vostro posto gratuito per favore scrivetemi a raffaella@languagesalive.com o FB Raffaella Palumbo – London

Ps Caffè, tè e dolcetti offerti da me e dalla scuola

Vi aspetto!

Raffaella a Londra dal 95’

MA in Intercultural Communication in Business and Professions (Birkbeck University, London)

BA HON French and Spanish (Kingston University, Surrey)

CLTA Teaching training for adults (IH Holborn, London)

 

Source: Teaching English Creative and Innovative

Dove andate a fare la spesa? Gli inglesi vi classificano così.


supermarkets

Pensate che tutti i supermercati in Inghilterra siano solo dei luoghi in cui fare la spesa? Vi sbagliate, non tutti vendono la stessa varieta’ di cibo, ma soprattutto, se siete nuovi non avrete ancora notato la notevole differenza di classe sociale che i vari supermercati rappresentano.

Che cosa voglio insinuare? Si’ proprio cosi’, mentre in Italia la gente compra in vari supermercati, magari scelti per la vicinanza alla propria casa o ufficio, in Inghilterra  si predilige un supermercato non solo per la qualita’ del cibo, ma per il livello sociale che questo rappresenta.

Prendiamo per esempio ICELAND che offre una grande varieta’ di cibo congelato a prezzi molto modici, raramente vede una clientela con giacca e cravatta che si affretta per fare la spesa dopo l’ufficio. Infatti per lo piu’, i suoi clienti sono giovani e molte casalinghe con un reddito annuo abbastanza basso.

Cosi’ e per LIDL che gia’ conosciamo in Italia e che da noi e’ rispettabilissimo. A quanto pare qui i forti sconti sono visti come sinonimo di poverta’. Io personalmente lo trovo molto conveniente per comprare olio, parmigiano e mozzarella, ma ci sono cosi’ tante offerte.

Poi arriviamo a un livello meno basso ma pur sempre costitutito da vari supermercati che si fanno la guerra stracciando i prezzi il piu’ possibile per accaparrarsi i clienti. Parlo di TESCO – MORRISSONS e ASDA. Questi tre supermercati offrono anche un’opzione basic ossia la piu’ economica. Dal pesce, alla carne alla pasta possiamo acquistare questi prodotti a un costo ridottissimo.

Segue Sainsbury’s frequentato da una clientela intermedia fatta da giovani professionisti che ancora hanno un budget limitato o dalla classe media che comunque ancora deve guardare al centesimo. Molte le offerte devo dire, anche qui abbiamo l’opzione basic e anche l’opzione taste the difference un po’ piu’ cara ma sempre meno delle grandi marche. Io sinceramente vado qui perche’ ce l’ho proprio dietro casa.

Ma dove vanno i ricchi vi chiederete?

Loro vanno solo da Marks & Spencers, Waitrose e Wholefood. Si’, possono vivere anche vicino a un Tesco, ma loro andranno sempre a uno di questi supermercati. Dicono che la qualita’ del cibo sia migliore, ma io ritengo che ci sia piu’ varieta’ e per quello possiamo trovare alcuni prodotti che non troviamo negli altri. Un esempio sono le punte d’ago per fare la minestrina, le trovate solo da Waitrose a parte nelle deli italiane naturalmente. Anche questi supermercati hanno le loro opzioni piu’ economiche che non si chiamano basic ma essential.

Tip: Se volete risparmiare, in qualsiasi supermercato dopo una certa ora, verso le 17:00, ci sara’ uno scaffale con prodotti dai prezzi ridottissimi perche’ scadono nello stesso giorno. Comprateli e surgelateli!

Insomma avete capito come funziona? E voi dove andate a fare la spesa?

Ciao a tutti

Raffaella a Londra dal 95′

Orientamento corsi di inglese, IELTS, Cambridge, business, campus, adulti, ragazzi, bambini a partire dai 3 anni. Consigli su scuole private internazionali. Contattatemi a raffaella@languagesalive.com