Perché ho deciso di sfidare Londra


Habits-of-super-successful-people

Carissimi amici, vi domandate spesso chi ve l’ ha fatto fare di venire a Londra? Non riuscite proprio a sopportare il clima e vi sentite in imbarazzo quando parlate inglese? Beh, non siete gli unici, sappiate che prima o poi quasi tutti e dico anche i laureati in lingua sono passati per questa fase.

Oggi ho deciso di raccontarvi un po’ della mia esperienza di vita oramai londinese per darvi un po’ di supporto e dimostrare che superato il primo impatto Londra rimane comunque una giungla, ma diventera’ una giungla dove saprete muovervi ad occhi chiusi. Certo il percorso non e’ dei piu’ facili soprattutto se arrivate qui con un inglese scolastico e quindi scarso come il mio nel lontano 95. E si’ non sapevo proprio masticare una parola di inglese anche se l’avevo studiato per ben 5 anni alle superiori. All’epoca si riusciva ancora a trovare lavori umili con un inglese pari quasi a zero.

La mia prima esperienza lavorativa fu nel Mc Donald dopo una valanga di rifiuti ricevuti nel campo della ristorazione e non.Ero andata via dall’Italia perche’ volevo la mia indipendenza e il solo pensiero di studiare dopo le superiori mi dava il volta stomaco. Poco immaginavo che dopo un mese di lavoro al Mac Donald mi sarei iscritta a un corso di inglese. L’entusiasmo di aver conseguito il primo lavoro a Londra svani ben presto in quanto mi resi conto che le mie capacita’ linguistiche e quindi comunicative erano ben limitate. Non so quanti strilli mi sono beccata perche’ non capivo quello che dicevano i manager. Fatto sta che da quel istante cominciai a frequentare il corso di inglese. Dopo alcuni mesi mi sentivo piu’ sicura e decisi che era ora di cambiare lavoro. Con mia grande soddisfazione ci riusci quasi subito entrando a lavorare con quasi tutti inglesi, ero l unica con un livello di inglese intermedio. Sapevo che avrei dovuto continuare i miei studi e cosi la sera andavo al college dopo il lavoro.

In brevi parole, riusci a prendere il Cambridge first Certificate e con questo entrai a lavorare in ufficio per un call centre per la prima volta. Avevo 21 anni. Iniziai anche a viaggiare in giro per il mondo quando avevo delle vacanze. Ma non mi bastava, volevo di piu’, cosi spinta dalla passione per le lingue decisi di continuare i miei studi ed iscrivermi all’universita’ che ovviamente richiedeva un certo livello di inglese. Anche questa volta ci riusci, l’universita’ duro’ 4 anni con un anno di Erasmus pagato. Un’esperienza fantastica!

Volevo viaggiare non volevo piu’ stare a Londra, feci l’ application per lavorare sulle navi da crociera come staff delle escursioni e mi diedero il lavoro, ero super contenta. Dopo tre anni tra navi e Costa Rica ritornai a Londra. Di recente ho completato un master in comunicazione interculturale e ben sei anni fa ho aperto una mia attivita’ insegnando italiano e spagnolo e facendo orientamento per i corsi di inglese per adulti, bambini e teen agers. Sono arrivata a guadagnare anche £100 l’ora.

Tutto questo per dirvi, non vi buttate giu’, stringete i denti e cercate sempre di migliorare voi stessi. Non abbiate paura ad esprimervi anche se con difficolta’, insomma non gettate la spugna. Cliche’ ma VOLERE e’ si’ POTERE.

In bocca al lupo a tutti voi

ps e la vostra di esperienza com’e’ stata? Commentate pure sotto grazie

Per info su corsi di inglese contattatemi a raffaella@languagesalive.com assistenza e accompagnamento gratuito.IELTS e Cambridge per entrare all’universita’, inglese generale e business. Corsi intensivi semi-intensivi – part time anche di sera.

 

 

 

Advertisements

One thought on “Perché ho deciso di sfidare Londra

  1. Ciao,
    Sono arrivato a Londra da due mesi, dopo essermi laureato a luglio. Avevo voglia di fare un’esperienza e di migliorare il mio inglese così ho deciso di trasferirmi qui a Londra e ad agosto ho lasciato Roma. Grazie a una buona base di inglese sono riuscito a trovare 2 lavoro nella ristorazione e nel catering, gestiti esclusivamente da inglesi, con personale inglese, per la maggior parte almeno. Nonostante le mie qualifiche non sono ancora riuscito a trovare lavori che mi permetterebbero di guadagnare di più, ma con i giusti attestati fra un po’ di tempo potrei ambire a qualcosa di più.
    Ti dirò la verità: non è facile. Almeno non lo sembra, perché con i progetti e le idee in mente la strada da fare è ancora lunga, ma come disse una volta qualcuno di molto saggio: “le scelte di indipendenza pagano, sempre”. Quindi continuo a pedalare!

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s